Catechesi e liturgia tornino ad incontrarsi

15 giugno 2024/ di: Rinaldo Paganelli

L’Équipe Europea dei Catecheti (EEC) si è incontrata a Cluj Napoca (Romania, 29 maggio – 2 giugno) per confrontarsi sul tema “Catechesi, liturgia ed esperienze umane”.

Il percorso ha visto un tracciato scandito dall’attenzione storica, contemporanea ed ecumenica.

Joël Molinario, già docente presso l’Institut supérieur de Pastorale catéchétique (ISPC), rivisitando il rapporto tra catechesi e liturgia in Francia come si è configurato nell’ultimo secolo, ha mostrato come, attraverso la sinuosità della storia, sia possibile riconoscere la formazione iniziatica della liturgia.

Figure di spicco nella riflessione preconciliare quali J.A. Jungmann, J. Colomb, F. Derkenne e Hélène Lubienska de Lenval, hanno sviluppato un’ampia catechesi che ha attinto alla sorgente della liturgia.

Si assiste poi, negli anni ’60, a una sorta di eclissi della questione liturgica. I pensatori e gli autori della catechesi sembrano lasciarla ai margini. Si nota, infatti, che, tra il 1964 e il 1982, la rivista Catéchèse non affronta più la questione liturgica. La stessa Lumen Vitae, che, tra il 1950 e il 1960, ospita oltre 50 articoli sul tema, negli anni successivi propone un solo articolo.

Questo è successo perché l’esperienza esistenziale ha preso il posto dell’esperienza liturgica e biblica, mentre l’esperienza di cui si fa riferimento nella catechesi è un’esperienza nella fede e ha una dimensione religiosa strutturata presente nella Chiesa.

Secondo alcuni, la liturgia, essendo situata nel linguaggio religioso, è fuori dall’esperienza umana, tanto da concludere che «la liturgia non è vita».

Celebrare la vita, celebrare un tema

Si è passati, quindi, da una catechesi di intrattenimento a una catechesi di proposta nella fede. Questa è stata la svolta decisiva.

Nel bisogno di andare al cuore della fede, si è riscoperto che la liturgia è il segno della nascita nella fede, soprattutto la liturgia di Pasqua. Ma non si tratta solo di un fatto individuale: è l’intera Chiesa che si riunisce, convocata dal suo Signore, per vivere con lui il passaggio dalla morte alla vita. I cristiani si riuniscono per vivere insieme quell’evento.

La liturgia fa vivere il cammino con Cristo, fa vivere l’ascolto comunitario della parola, l’immersione battesimale, il pane del cielo che è donato e condiviso, e fa vivere, nello stesso tempo, la convocazione e l’invio missionario.

L’azione catechistica non è più pensata principalmente come insegnamento, ma come itinerario di ingresso nella fede della Chiesa. L’ispirazione liturgica offre un contenuto forte alla nozione di iniziazione cristiana.

Ciò che può rinnovare la catechesi non sono le devozioni periferiche, né i valori o le idee di cristianesimo presenti nella società. «La catechesi è intrinsecamente collegata a tutta la dimensione liturgica e sacramentale, perché è nei sacramenti, e soprattutto nell’eucaristia, che Cristo agisce in pienezza per la trasformazione degli uomini (CT n. 23; DpC n. 96)».

L’azione mistagogica collega l’esperienza di vita

Purtroppo, spesso si è contrapposta la catechesi alla liturgia, per il timore che una catechesi liturgica facesse passare in secondo piano il contenuto della fede. La stessa ritualità è parte del contenuto della fede. Pertanto, è necessario integrare il momento catechistico nell’azione liturgica.

L’obiettivo è offrire un’autentica introduzione esperienziale alla totalità della vita di fede. Perché questo succeda, è necessario riscoprire l’azione mistagogica come risorsa catechistica.

Roland Lacroix, docente all’ISPC, ha ricordato che luogo della mistagogia sono la liturgia e le Scritture, che la legano intrinsecamente all’opera dello Spirito Santo.

Occorre rendersi conto che non sono i catechisti ad essere mistagoghi, ma Cristo. Nella pratica catechistica non si spiega e non si definisce il mistero di Cristo, ma lo si introduce permettendo alle persone di parteciparvi. È necessario porre la categoria del mistero al centro della catechesi, in modo che la catechesi diventi eco della Pasqua nel cuore dell’uomo.

È importante aiutare i catechizzandi a uscire da sé stessi per incontrare il Vivente. Non è un fatto naturale o scontato per i catechizzandi partecipare a riti o a ricevere riti. Il ruolo della catechesi non è quello di spiegarli, ma di evidenziarne e sottolinearne il significato per incoraggiare le persone a passare attraverso questi riti.

L’azione mistagogica è favorire, prima, l’ingresso nel rito, e poi, attraverso la catechesi, favorire l’uscita dal rito, in modo che il rito possa dispiegarsi nell’esperienza di vita delle persone. Il regno di Dio non si realizza una volta terminate le pratiche di culto, ma dove si vive la comunione fraterna.

Catechesi, liturgia e vita nella postmodernità

Elena Massimi, docente all’Auxilium di Roma, ha sostenuto che, se la liturgia praticamente non incide nella vita dei fedeli, la catechesi non è da meno. Se il cattolicesimo confessionale aveva un’alta dose di rilevanza extra religiosa, con l’avvento della comunicazione nella forma di “bassa intensità religiosa” – così la definisce L. Diotallevi –, la religione non ha più rilevanza extra religiosa.

Vi sono questioni che non interessano solo la liturgia, ma anche la catechesi, ad esempio, l’iniziazione cristiana, la pratica penitenziale, l’assemblea eucaristica domenicale, l’anno liturgico… Sembra ormai indispensabile che le iniziative e le disposizioni in proposito vengano studiate ed emanate insieme dalle rispettive commissioni per la catechesi e la liturgia. A maggior ragione ciò è auspicabile a livello nazionale.

Insieme bisogna pensare percorsi adatti ad un contesto ecclesiale radicalmente mutato.

Da prendere in considerazione i dati forniti dalla rappresentante dell’Austria: 3.000 parrocchie austriache riuniscono 500 mila fedele per la messa domenicale, mentre oltre un milione segue la celebrazione mediante i mezzi di comunicazione, radio o TV.

Le comunità ecclesiali non sono più generative. È possibile partecipare ad una messa e andarsene senza aver sperimentato alcun senso di comunità. Liturgia e catechesi sono accumunate dal “medesimo delirio di onnipotenza”. Nel momento in cui venivano meno le comunità iniziatiche, la catechesi ha cominciato ad assumere tutto lo spazio possibile e immaginabile. Col risultato di venire svuotata del suo valore.

Spesso ci si lamenta della poca significatività della liturgia e della ridotta partecipazione ai riti. Non ci si rende conto che questo è il sintomo di un male più grande. Se la liturgia è epifania della Chiesa, è epifania anche delle difficoltà che attraversano le comunità locali.

È sorprendente come, spesso, nella Chiesa si insista sulle azioni che dipendono dalla fede, quasi che la fede sia anzitutto una cosa pensata, e non si sottolinei, con altrettanta forza, il fatto che alcune azioni possono far nascere la fede e, attraverso la fede, incidere sulla ragione.

Nei giorni del congresso, il contatto con la Chiesa ortodossa, e più direttamente con la Chiesa greco-cattolica, ha permesso di cogliere come la dimensione esperienziale delle icone diventi un percorso privilegiato per esperienze di fede.

Ogni icona, infatti, non si limitata a mostrare una scena o una figura. Implica anche un substrato teologico. L’icona raffigura ciò che la Scrittura insegna attraverso la Parola. Il fondamento biblico dell’icona sta nel fatto che l’uomo è stato creato a immagine di Dio.

Dio parla una lingua umana e ha un volto umano. L’incarnazione nasce dal desiderio di Dio di farsi uomo e di trasformare la sua natura umana in una teofania, un luogo e un’icona della sua presenza.

La rivelazione è corporea

Richiamandosi al valore delle icone, ma ancor più all’azione liturgica, Elena Massimi, facendo riferimento a riflessioni di G. Bonaccorso, ha richiamato che al centro dell’agire pastorale non c’è la comunicazione o trasmissione di una dottrina ma l’esperienza di una presenza, e il cammino che educa a tale esperienza.

Dio si rivela in un corpo, e il corpo è il luogo dell’esperienza di Dio, è il principale riferimento antropologico della fede. Il rapporto tra il Dio che si rivela e la natura umana si pone nei termini di fides et corpus, non di fides et ratio. Se l’esperienza della rivelazione è corporea, allora è necessario precisare che il corpo percepisce il mondo grazie alla sensibilità. Il corpo si immerge nella realtà, tanto che questa non potrebbe essere descritta se non si fosse immersi in essa.

Nella liturgia si è immersi nell’esperienza della Rivelazione, della fede, proprio perché, in essa, si entra con il corpo, in una dinamica immersiva, partecipativa.

Si conosce bene il venir meno del “sentirsi dentro la liturgia”: questo capita sia in celebrazioni fredde, sia in quelle eccessivamente emotive.

Nel primo caso viene meno l’emozione, nel secondo la ragione. Alla luce di tale situazione, ciò che manca è un’adeguata formazione liturgica, che non può essere identificata nello studiare la liturgia, ma nell’attuare percorsi di iniziazione che portino a vivere la liturgia come un rapporto circolare tra azione, emozione e ragione. In modo che il culto sia l’esperienza del “sentirsi dentro il culto”, dentro il rito, dentro il mistero.

D’altro canto, non è sufficiente la dottrina per poter partecipare al celebrare cristiano Insieme all’iniziazione è necessaria una inculturazione. «Non si tratta di tradurre il significato delle azioni, ma di tradurre le azioni in quanto capaci di suscitare dei significati» (G. Bonaccorso). Il rito non dipende da chi lo compie, ma ha un’autonomia anche nei confronti di chi lo mette in opera. Il celebrare cristiano si basa su esperienze profondamente umane (nascere, morire, convenire, mangiare…) vissute ad un altro livello, vissute in modo simbolico, trasfigurato.

Il rito interrompe il ritmo veloce, misurato dal quotidiano, e permette di entrare nella logica dell’attesa, dilaziona il tempo, esperimentato come apertura al mistero. È proprio nell’indugio, nella lentezza, nella ripetizione, nelle pause di silenzio che il rito modifica il tempo.

Valorizzando i diversi gesti/azioni di cui si compone la liturgia, il fedele si percepisce come corpo: cammina, parla, ascolta, guarda, adora, tocca, gioisce, soffre, prova sentimenti di meraviglia e stupore.

Celebrare consegna alle persone la loro identità di salvati, e di essere corpi. Riflettere insieme su questi aspetti favorisce il disincanto e il desiderio di cercare ancora spazi di trascendenza per questo tempo e per quanti lo vivono. Sviluppa il desiderio di un confronto collaborativo tra liturgia e catechesi.

Fede e catechesi in Europa: possibili sentieri

Autore: Équipe Europea di Catechesi
A cura di: Giuseppe Biancardi e Salvatore Currò

Il testo raccoglie gli Atti del Congresso che l’Équipe Europea di Catechesi ha tenuto dall’1 al 6 giugno 2022 a Bruxelles. L’associazione è nata dalla spontanea iniziativa di un gruppo di catecheti europei in margine al I Congresso catechistico internazionale tenutosi a Roma nel 1950, in occasione dell’Anno Santo. I membri si incontrano con cadenza biennale per riflettere su tematiche attinenti alla catechesi con particolare riferimento al Vecchio continente.
Tema dell’incontro è stato L’inserimento profetico della fede nella cultura europea postmoderna, in dialogo con il Direttorio per la catechesi del 2020. Gli interventi pongono in luce, di volta in volta, i punti-forza su cui la Chiesa dovrebbe concentrare la sua attenzione per far risuonare efficacemente, anche oggi, il Vangelo.

Data di pubblicazione: 09/02/2024
Lingua: Italian
Pagine: 192
Editore: ELLEDICI

Cod: 06896
Codice EAN: 9788801068962

Artefici della propria vita. Il “progetto di vita” nelle persone con disabilità

Il nuovo numero della rivista «CATECHETICA ED EDUCAZIONE»

Editoriale:

La L. 227 del 22 dicembre 2021 dello Stato italiano parla del “progetto di vita”, qualificandolo con gli aggettivi individuale, personalizzato e partecipato. Basandosi sui princìpi di autodeterminazione e di non discriminazione, la normativa restituisce alla persona con disabilità, nel limite del possibile, il diritto di elaborare un progetto di vita «diretto a realizzare gli obiettivi […] secondo i suoi desideri, le sue aspettative e le sue scelte» (punto c, §5) e prevede l’individuazione di «figure professionali aventi il compito di curare la realizzazione del progetto, monitorarne l’attuazione e assicurare il confronto con la persona con disabilità e con i suoi referenti familiari, ferma restando la facoltà di autogestione del progetto da parte della persona con disabilità» (punto c, § 11).
Da quest’importante testo legislativo prende spunto la riflessione proposta nel presente numero di Catechetica ed Educazione. Quello del “progetto di vita” è un elemento esistenzialmente determinante ed educativamente rilevante. Qui s’intende precisare e approfondire questo concetto complesso e carico di implicanze, non privo di ambiguità, oggetto di studio specialistico da svariati punti di vista. Si è pure consapevoli che le criticità insite nella nozione “progetto di vita” si acuiscono quando questa si applica al mondo della disabilità.

Il fascicolo è articolato in due parti: la prima contiene degli studi sul “progetto di vita”, dal punto di vista antropologico, pedagogico, psicologico e legislativo, cui si aggiungono delle riflessioni di natura teologica riguardanti gli ambiti biblico, catechetico-pastorale e spirituale; la seconda offre una rassegna di ambienti di vita in cui si accompagnano le persone con disabilità a realizzare, nel limite del possibile, il loro progetto di vita.
Rientra nella prima sezione il contributo di Annalisa Caputo, Progetto di vita o trame di vita? Dalla soggettività progettuale all’intreccio di storie. La filosofa, rifacendosi soprattutto al pensiero di Heidegger e Ricoeur, s’interroga sulla possibilità stessa di elaborare un progetto di vita da parte delle persone con disabilità intellettiva e giunge a postulare la necessità di un cambio di paradigma, fondato non tanto sulla categoria di “progetto” ma su un modello antropologico che privilegi la narrazione e l’intreccio di storie.

I due articoli successivi esplorano il tema del progetto di vita dal punto di vista psico-pedagogico. Roberto Franchini, nel suo Artefici della propria vita. Riflessioni pedagogiche sul “progetto di vita”, parte dagli interrogativi: a chi spetta elaborare il progetto di vita? Come intervenire per far sì che la persona con disabilità sia realmente “artefice” della costruzione della propria esistenza? Il concetto chiave è quello di “autodeterminazione” – da non confondersi con indipendenza – che va considerata come criterio d’azione per gli operatori: essa, infatti, è un diritto basilare di ogni persona, comprese quelle che manifestano disturbi del neurosviluppo. Sulla base di tale convinzione, vengono fornite indicazioni pedagogiche utili per la promozione umana e spirituale dei membri più vulnerabili delle comunità.

A sua volta, lo psicologo Joseph Jeyaraj Swaminathan, Formulating an Age-related Life Project for a Fulfilled Life, offre un’ampia riflessione che, andando oltre lo specifico ambito delle persone con disabilità, prende in esame il complesso rapporto tra lo sviluppo del progetto di vita nelle diverse età e la qualità di un’esistenza pienamente realizzata.
Quindi, Maria Luisa Scattoni, Laura Maria Fatta e Francesca Fulceri, dirigente e ricercatrici del Servizio di coordinamento e supporto alla ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità di Roma, avvalendosi delle competenze maturate dal loro osservatorio privilegiato, presentano in maniera dettagliata e tecnica ciò che viene affermato circa gli Elementi prioritari del progetto di vita nella “Linea guida sulla diagnosi e trattamento del disturbo dello spettro autistico negli adulti”.
Segue una serie di studi di natura teologica. Il primo, di Francisco José Enríquez Zulaica, “Para que tengan vida en abundancia” (Jn 10,10). El proyecto de vida en las páginas de la Sagrada Escritura, mette in rilievo come nella Bibbia, pur non comparendo in forma esplicita il concetto di “progetto di vita” così com’è
inteso oggi, ci sia un continuo riferimento al progetto di salvezza di Dio con la corrispondente necessità e responsabilità da parte delle creature di aderirvi o meno.

Di taglio squisitamente catechetico è poi l’articolo di Salvatore Soreca, L’attenzione alle persone con disabilità nel progetto personale formativo del catechista. Dopo aver descritto il dispositivo autoformativo ormai diffuso in diverse regioni italiane, imperniato su cinque macro-competenze qualificanti l’identità e l’azione dei catechisti, l’autore si sofferma a riflettere su come favorire attraverso il suo utilizzo una mentalità inclusiva negli operatori pastorali.

L’ultimo studio affronta il tema delicato dell’accompagnamento alla morte. Il Rev. Bill Gaventa, esperto in teologia della disabilità, nel suo Accompanying Persons with Disabilities and their Friends throug Grief, Loss, and End of Life, elenca una serie di principi che possono orientare l’affiancamento delle persone con disabilità e i loro amici che attraversano la sofferenza e sperimentano la perdita di persone care e la fine della vita.

Un secondo blocco tematico è dato dagli ambiti esistenziali in cui può definirsi il “progetto di vita”. Tra i vari possibili, ne sono stati individuati cinque. Per ciascuno di essi, accanto a una riflessione più generale, vengono indicate delle “buone pratiche” che esemplificano quanto di bene si stia facendo sul territorio
nazionale da parte di istituzioni e persone di buona volontà a favore della realizzazione del “progetto di vita” delle persone con disabilità.

Bruno Bignami, Il lavoro è un progetto di vita. Quando disabilità e dignità fanno rima, affronta il grande tema del lavoro: se, almeno parzialmente, sono state eliminate molte barriere architettoniche, ora il grande sforzo da fare – molto più complesso, come mostra l’esperienza – è di abbattere quelle sociali.
Domenico Fidanza, Scuola Cattolica e inclusione. L’esperienza della “Sacra Famiglia di Nazareth”, riflette sull’importanza educativa dell’istituzione scolastica, al cui interno i minori e i loro formatori trascorrono gran parte delle loro giornate. Egli presenta come modello significativo e riuscito ciò che viene realizzato in una realtà scolastica del suo Ordine di appartenenza.
Giampaolo Mattei, “Forse ce la posso fare anch’io”. Lo sport nella vita delle persone con disabilità?, attraverso il racconto suggestivo dell’esperienza di persone con disabilità che sono diventate atleti e campioni paralimpici, esamina l’apporto che lo sport può offrire alla qualità della vita delle persone con disabilità. Una significativa retrospettiva informa pure sul rapporto tra il mondo dello sport e la Santa Sede.

Al recente rilancio del turismo religioso, fenomeno in grande espansione, è dedicato il contributo di Fernanda Cerrato, Turismo religioso accessibile: la bellezza per tutti! Non più considerato un bene di lusso, ma diritto per tutti ed esperienza umanizzante, il turismo religioso segue oggi logiche assai differenti rispetto al passato e può diventare per la Chiesa una “nuova” occasione di annuncio.
Nell’articolo si suggeriscono alcune attenzioni utili per accogliere al meglio anche le persone con disabilità, che in numero sempre maggiore usufruiscono di questa opportunità di crescita.

Chiude la rassegna la descrizione di quanto viene realizzato in una Residenza Sanitaria per Disabili (RSD). Maria Luisa Galli, La gioia di volersi bene. L’esperienza di Casa “Amoris Laetitia” (Bergamo), presenta una realtà – ordinariamente pensata come un luogo di sofferenza perché accoglie figli con patologie gravissime, spesso con esito infausto – dove la prossimità amorosa di coloro che la abitano trasforma la residenza in un luogo in cui si ravviva di continuo la speranza, dove la morte non ha l’ultima parola.

I MEMBRI DELL’ISTITUTO DI CATECHETICA
catechetica@unisal.it

Scarica numeri:

Convegno nazionale SNPPD: “Noi, non loro”

Si è svolto nei giorni scorsi, a Napoli-Scampia, il 3° Convegno nazionale promosso dal Servizio Nazionale per la Pastorale delle persone con Disabilità (SNPPD) della CEI.

Del convegno hanno dato ampia informazione i quotidiani e le agenzie specializzate (Agensir). Un’ampia raccolta di commenti e immagini è presente nel sito del SNPPD (https://pastoraledisabili.chiesacattolica.it) che, a breve, renderà disponibile tutto il materiale presentato nel Convegno.

Noi offriamo qui il breve intervento del prof. Ubaldo Montisci, membro dell’Istituto di Catechetica dell’UPS, che ha affrontato in chiave pastorale il tema dell’accompagnamento delle persone in età minore.

Relazione Montisci – 2024-04-04

PROGRAMMA_3._CONVEGNO NAZIONALE_NOI NON LORO, IN OGNI STAGIONE DELLA VITA (agg.27.03.2024_h.14.00)

Disabilità: don Montisci (Università pontificia salesiana), “considerare le persone non un problema ma una risorsa”

“Accompagnare i percorsi che portano a costruire il proprio progetto di vita è un compito pastorale essenziale, che coinvolge tutti i battezzati”. A ricordarlo è don Ubaldo Montisci, docente di metodologia catechetica e formazione all’Università pontificia salesiana, durante la tavola rotonda dedicata all’età evolutiva, all’interno della prima giornata del Convegno “Noi, non loro”, promosso dal Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità Cei, aperto oggi a Scampia.

“Ritengo – ha aggiunto don Montisci – che ci sia bisogno urgente di un cambio di mentalità nel realizzare i percorsi di maturazione nella fede”. In un altro passaggio, l’esperto spiega come l’impegno educativo nelle comunità cristiane debba considerare “che la catechesi di iniziazione nelle età minori non ha il compito di generare il cosiddetto ‘adulto fedele’ ma pone le basi”. “Lo sguardo – ha suggerito – deve spingersi più in là, e cioè nell’adolescenza, una età in cui in fondo si determinano quei tratti del credente che normalmente diverranno permanenti”. In particolare, il docente ha spiegato come le “persone con disabilità vadano considerate come una risorsa e non un problema. Per fare ciò, ci vuole un soprassalto d’amore perché solo l’amore è creativo. Papa Francesco richiama spesso la necessità di essere creativi, di non fermarsi alle logiche del ‘si è sempre fatto così’. Le norme sono utili e talvolta necessarie ma, ordinariamente, stabiliscono il limite minimo di azione dovuta. Ciò – ha concluso – non è sufficiente quando si tratta di elaborare un progetto di vita: noi abbiamo la consapevolezza che quel “di più” può essere dato da un soprassalto d’amore ispirato ai valori evangelici”.

Elisabetta Gramolini 19 Aprile 2024 @ 18:11

A 70 anni dall’inizio della Catechesi del Buon Pastore

Abbiamo il piacere di invitarvi all’incontro promosso dall’Ufficio catechistico della diocesi di Roma in occasione dei 70 anni della catechesi del Buon Pastore.

La Catechesi del Buon Pastore è un approccio all’educazione religiosa dei bambini basato sui principi dell’educazione di Maria Montessori, sviluppato a Roma principalmente da Sofia Cavalletti e Gianna Gobbi negli anni ’50 e ’60 del secolo scorso. Attualmente il punto di riferimento è Francesca Cocchini (presente all’evento).

La Catechesi del Buon Pastore si concentra sull’ambiente preparato, che è un ambiente educativo ricco di materiali simbolici e liturgici che i bambini possono manipolare ed esplorare. Gli educatori facilitano questo processo, ma lasciano spazio ai bambini per seguire i loro interessi e scoprire la loro relazione con Dio in un ambiente che rispecchia la natura della chiesa e della liturgia. I principali elementi della Catechesi del Buon Pastore includono la Parola di Dio, la preparazione degli ambienti, l’osservazione dell’educatore e il rispetto per il ritmo individuale di ciascun bambino nel suo sviluppo spirituale.

Questo approccio si è diffuso in molte comunità cristiane e ha guadagnato popolarità per la sua capacità di coinvolgere i bambini in modo profondo e significativo nella loro fede.

70 anni catechesi Buon Pastore

Resilienza e speranza cristiana. L’educazione religiosa come fonte essenziale di ispirazione in tempi di crisi

XXI Forum EuFRES (Poprad, 3-7 aprile 2024)

Si è svolto a Poprad (Slovacchia) il XXI Forum europeo sull’educazione religiosa nelle scuole (EuFRES) sul tema Resilienza e speranza cristiana. L’educazione religiosa come fonte essenziale di ispirazione in tempi di crisi (3-7 aprile 2024). Hanno partecipato all’evento una quarantina di docenti universitari di pedagogia religiosa e catechetica provenienti da diverse nazioni europee. Il gruppo più nutrito è stato quello polacco; erano poi presenti rappresentanti dell’Austria, Croazia, Germania, Italia, Repubblica Ceca; Slovacchia; Slovenia; Spagna. Per l’Istituto di Catechetica era presente il prof. Ubaldo Montisci. Le giornate erano organizzate intorno a una conferenza mattutina con, a seguire, dei lavori per gruppi linguistici e, nel pomeriggio, la presentazione della situazione dell’insegnamento religioso nelle diverse nazioni e di buone pratiche per quanto riguarda la resilienza. Ampi spazi di dialogo informale, delle uscite in luoghi culturalmente e artisticamente significativi, hanno garantito un clima di fraternità che ha dato ulteriore qualità all’esperienza.

In estrema sintesi, dall’insieme dei lavori si può riassumere il compito dell’IRC intorno ai seguenti principi: controverso; critico; costruttivo; che prende posizione; partecipativo e pratico.

Per gentile concessione dell’EuFRES, possiamo offrire ai lettori di RPR il discorso introduttivo del Presidente EuFRES, Roman Buchta (file 0); la relazione di Zbigniew Formella (file 0); le diapositive della conferenza on line di Claudia Gärtner (file 0 formato PDF); gli interventi che presentano le situazioni dell’insegnamento religioso nelle varie nazioni (file 1-6) e le buone pratiche che riguardano la resilienza ma non solo (file (7-13). Chiude la rassegna un breve contributo con alcune indicazioni storiche sull’EuFRES (file 14).

Le relazioni sono state fatte nella lingua madre dei relatori. Qui presentiamo la versione italiana e inglese. I testi non sono stati rivisti e risentono dei limiti delle traduzioni digitali. Ci scusiamo per le eventuali imprecisioni.

Programma EuFRES

14. La breve storia di EuFRES (AThF)

0. Gaertner

0. Buchta it     0. Buchta En

0. Formella it    0. Formella eng

1. Borda it     1. Borda eng

2. Polak it

3. Genčúrová it    3. Genčúrová EN

4.Vodičar-Kraner it     4. Vodičar-Kraner

5. Labendowicz eng

6. Wierzbicki ita      6. Wierzbicki eng

7. Blaščíková it       7. Blaščíková eng

8. Kicinski – ita    8. Kicinski – eng

9. Kielian ita       9. Kielian eng

10. Kubiak_it      10. Kubiak_ENG

11. Ana Thea Filipović – Text EN       11. Ana Thea Filipović it

12. Osewska ital      12. Osewska eng

13. A. Zellma. R. Czerwiński. ENG

per gli studenti di lingua inglese questo manuale recente (con un contributo su Religious Education), è disponibile gratuitamente (grazie al supporto della Chiesa Evangelica tedesca):

https://www.degruyter.com/document/doi/10.1515/9783110618150/html

Qualche scatto:

Il carisma e la passione per la catechesi di San Cesare de Bus

L’Istituto di Catechetica organizza, il 12 aprile alle ore 15, un pomeriggio di studio e approfondimento dal titolo: “Il carisma e la passione per la catechesi di San Cesare de Bus: le Istruzioni familiari tra memoria e attualità prospettica”.

 

 

Cesare De Bus nacque a Cavaillon, nei pressi di Avignone, il 3 febbraio 1544. Era il settimo di tredici figli. Passò la gioventù tra gli ufficiali di Carlo III e la corte reale, lontano dalla pratica religiosa. La conversione avvenne nel 1575, anche grazie alla preghiera e alla penitenza di due umili persone, Antoinette Revillande e Louis Guyot. Fu decisivo nel suo cambiamento il ruolo dei suoi direttori spirituali, prima il gesuita padre Piquet, poi il vescovo diocesano, che lo incaricò di predicare alla gente più umile e bisognosa. Nel 1582, trentottenne, fu ordinato sacerdote, assumendo il ruolo di canonico della cattedrale di Avignone. Nel 1592 intorno a lui si venne a formare una famiglia di sacerdoti che l’aiutarono nell’insegnamento del catechismo: era l’avvio della congregazione dei Padri della Dottrina Cristiana, detti Dottrinari. Gli ultimi anni della sua vita furono contrassegnati da gravi prove morali, come l’abbandono da parte di alcuni dei primi compagni, e dalle malattie, tra cui la cecità. Morì ad Avignone il 15 aprile 1607, domenica di Pasqua. Fu beatificato da san Paolo VI il 27 aprile 1975. Il 26 maggio 2020 papa Francesco autorizzò la promulgazione del decreto relativo a un terzo miracolo per sua intercessione, dopo i due necessari all’epoca per la beatificazione, aprendo quindi la via alla sua canonizzazione, poi celebrata il 15 maggio 2022. I suoi resti mortali sono venerati nella chiesa di Santa Maria in Monticelli a Roma, mentre la sua memoria liturgica cade il 15 aprile, giorno della sua nascita al Cielo.

Programma

Modera: Don Giuseppe Ruta, Direttore ICa

 

Istantanee del Seminario ICa: «Religione e cultura, prove di epistemologia per l’IRC»

Si è svolto nei giorni scorsi il Seminario «Religione e cultura, prove di epistemologia per l’IRC» promosso dall’Istituto di Catechetica. Su invito, erano presenti 35 docenti, esperti e responsabili del settore scolastico dell’Insegnamento della Religione Cattolica (IRC). La convinzione di base è che l’IRC possa e debba essere letto in chiave “culturale”, sia per l’ambiente scolastico di cui fa parte a pieno titolo, sia per fedeltà al dettato concordatario che fonda l’insegnamento della religione sul “valore della cultura religiosa”. Partendo dalla consapevolezza che la Chiesa ha da sempre portato il suo contributo alla promozione della cultura, favorendone l’umanizzazione nel confronto con la visione teologica cristiana e i valori evangelici, ci si è interrogati sulla religione intesa come oggetto culturale e sul significato della cultura, a sua volta oggetto di tutta l’azione della scuola.

L’introduzione ai lavori del prof. Giampaolo Usai, moderatore della prima parte dell’incontro; le dense relazioni dei proff. Sergio Cicatelli, Appunti per un IRC come cultura religiosa, e Flavia Montagnini, Praticabilità pedagogico-didattica della proposta; gli interventi provocanti dei due discussant, il filosofo Paolo Zini e il sociologo Massimiliano Padula; il contributo al dialogo degli esperti presenti hanno dato vita a una riflessione profonda e appassionata sul tema vitale per la Scuola e l’IRC.

 

In allegato si mette a disposizione del lettore la sintesi dei lavori a opera della prof.ssa Cristina Carnevale, che ha moderato la seconda parte dell’incontro.

Linee conclusive

 

Istantanee: